Pagina 4 - STALKINK STOP VademecumDef

Versione HTML di base

4
E’ utile sapere che
Dal 23.4.2009 esiste la legge n.38 che ha introdotto nel codice penale la nuova figura di reato ex
art. 612 bis – atti persecutori – disciplinando specificamente il reato di “ stalking “ che fino a quel
momento non aveva una previsione normativa completa e organica. Tale situazione rendeva
difficile e inefficace sia l’individuazione del comportamento dello stalker che la prova degli atti
persecutori, e si traduceva sovente in assoluzioni o in favorevoli derubricazioni per l’indagato, e in
beffa e frustrazione per la parte offesa.
La nuova norma ex art.612 bis cp degli atti persecutori introduce invece una figura organica delle
condotte che realizzano il reato diventando più agevole la prova in giudizio, e prevede una pena da
sei mesi a quattro anni di reclusione, rendendo così possibile anche l’arresto in flagranza di reato e
l’applicazione delle misure cautelari personali, prima non applicabili, nonché la procedibilità
d’ufficio in alcuni casi e specificamente dopo “l’ammonimento” del presunto persecutore da parte
del Questore.
L “
ammonimento
“ che precede la fase giudiziaria è una novità per il nostro ordinamento giuridico
e la prassi dimostra che lo strumento è utilizzato sovente, poiché le richieste di ammonimento si
traducono in circa 150 esposti annuali di cui circa 80 vengono accolti ed emessi dal Questore.
Dopo l’entrata in vigore della legge n.38 del 2009 i casi di atti persecutori (stalking) aumentano
significativamente perché la normativa introdotta ha finalmente dato un preciso nome ed una
identificazione comportamentale e giuridica dello stalking.
E’ importante riconoscere che se
- Ogni giorno ricevi un gran numero telefonate e sms con lusinghe e/o minacce;
- Ricevi regali, attenzioni costanti e soffocanti non richieste;
- Vieni raggiunta in ogni momento della giornata e avvicinata a sorpresa;
- I tuoi familiari vengono contattati con minacce, richieste di alleanze;
- Vuoi lasciarlo, ma ti fa sentire in colpa e fa la vittima;
- Ti controlla e vuole sapere in ogni momento dove sei o se ti senti controllata e minacciata
PUOI ESSERE COLPITA DA STALKING
Una donna può uscire dalla minaccia dello stalking
Ogni donna che subisce o è minacciata da uno stalker deve sapere che può rivolgersi a operatrici
dei centri Antiviolenza, alle Forze dell’Ordine e a operatrici dei Servizi Sociali. Nessuno giudicherà
le strategie di sopravvivenza che una donna colpita o minacciata di stalking ha scelto di utilizzare.
Una donna non ha colpa se è colpita da stalking.
Una donna minacciata o colpita da stalking può rivolgersi al Dipartimento per le Pari Opportunità
della Presidenza del Consiglio dei Ministri, nell'ambito delle attività previste per la gestione del
rafforzamento della Rete Nazionale Antiviolenza e del numero di pubblica utilità a sostegno delle
vittime di violenza di genere e stalking.